Skip to main content
x

Pescocostanzo

Pescocostanzo, the cultural seat of the Majella National Park, is an ancient village. It almost surprises how such a small town can encompass many wonders of history, art and culture, and yet it is just like that: starting from the beautiful landscape in which it is immersed, you get to the heart of the village and you are enchanted by the details of the city and the architecture, elegant and well preserved. The heart of the historic center is the Basilica of Santa Maria del Colle, one of the most interesting churches in the entire region thanks to the elements of great artistic value that it preserves inside. But beauty does not stop there: to see, other churches, palaces and shops, fountains and streets with stone slabs. Finally, here the ancient artisan tradition has remained intact, to be discovered stopping enchanted to observe the wise gestures of those who work the material with passion and mastery.

Provincia: L'Aquila

CAP: 67033

Prefisso: 0864

Altitudine: 1395

POSIZIONE GEOGRAFICA

41.8902102, 14.0655955

Luogo anticamente considerato sacro e dedicato a Giove, il Bosco di Sant'Antonio è una delle più belle faggete d'Abruzzo. Si estende per 17 ettari tra le dorsali del Monte Pizzalto e del Monte Rotella. Offre un incredibile scenario di faggi secolari dalle forme bizzarre, ma sono presenti nell'area anche l'Acero campestre, il Pero selvatico, il Ciliegio il Carpine nero, il Tasso.

Il Sacrario Nazionale Mauriziano di Pescocostanzo è situato nella parte alta del centro abitato in località Carpineto a 1.482 m. di quota.

Palazzo Fanzago (1626-1642), so called in reference to its designer Cosimo Fanzago (from Bergamo), was intended to house the monastery of the Poor Clares of S. Scolastica. It is the most interesting public building, characterized by six large baroque niches (fake windows) that alternate with a closed and broken crown gable on the main facade, overlooking the Town Hall Square.

Il Palazzo Fanzago (1626-1642), così denominato in riferimento al suo progettista Cosimo Fanzago (bergamasco), era destinato a sede del monastero delle Clarisse di S. Scolastica.

La Chiesa rinascimentale di San Giovanni Battista, nell'omonima via, ha un bel portale del 1532 con terminazione a timpano triangolare e con un architrave scolpito, sul quale un piccolo bassorilievo rappresenta il martirio di San Giovanni. I battenti originali sono del 1536. Il rosone rappresenta un caso unico di conservazione a Pescocostanzo.

La Basilica, l'antica Collegiata, è tra le chiese più interessanti d'Abruzzo. Sorge dove dall’XI secolo preesisteva un nucleo religioso. Fu riedificata nel 1466 con configurazione a 5 navate, dopo il terremoto del 1456.

Rock church of the XII/XIII century (rottoes and hermitage) opens at 1,266 m asl at the foot of a cliff that overlooks the Fourth Great, on the slopes of Mount Pizzalto, in front of Colle Riina where Lombard tombs have been found.

Chiesa rupestre del XII/XIII secolo (grotta-eremo), si apre a 1.266 m slm ai piedi di una rupe che s'affaccia sul Quarto Grande, alle pendici del monte Pizzalto, di fronte a Colle Riina dove sono state rinvenute tombe longobarde.

Il nucleo storico ancora ben identificabile,anche attraverso l'ubicazione delle porte che consentivano l'accesso al borgo (ancora visibili Porta Antonetta, quattrocentesca, e quella nei pressi di Palazzo Sardi) ha prevalentemente una struttura urbana raccolta, con case che s'affacciano su un sistema viario reticolare originario, fatto di stradine e scalinate, tipico dei sec.

The Sanctuary preserves a miraculous image of the Madonna and Child (stone bas-relief). It was erected at the end of the 16th century in the place where, according to tradition, the effigy of the Virgin, transported from distant lands, became so heavy that it could no longer be removed.

Il Santuario conserva una miracolosa immagine della Madonna col Bambino (bassorilievo in pietra). Fu eretto alla fine del XVI secolo nel luogo in cui, secondo la tradizione, l’effigie della Vergine, trasportata da terre lontane, divenne così pesante da non poter essere più rimossa.

Il Bosco, formato prevalentemente da faggi, comprende anche aceri di specie diverse, opalo (di monte e campestre), nocciolo, cerro e il sorbo montano. Ad alte quote i boschi di querce lasciano il posto a una vegetazione più fredda, fatta di ornielli e carpini. A queste quote si trovano anche il Tiglio e il Maggiociondolo (quello della leggenda della gigantesca Maja).

Il Rasino è un ruscello che tocca le radici del colle, sopra cui sorge Roccaraso, che prima fu detto, perciò, Rocca del Rasino, poi Rocca del Raso e attualmente Roccaraso.I sigilli municipali ricordano la stessa origine. In uno del 1683 vi sono tre torri con un ruscello che fluisce alla base la scritta "Universitas Terre Rocce Rasini".

La Chiesa di San Rocco fu eretta nel 1656, come atto votivo dei cittadini scampati alla peste. Dall’epigrafe posta sul portale si deduce che, nell’anno 1743, i Roccolani rinnovarono i loro voti al Santo.E’ l’unico fabbricato scampato alla furia dell’ultima guerra.

Istituita nel 1982, ha un'estensione di 482 ettari, ricadenti nel territorio del Comune di Palena, ed e' interamente compresa nel Parco Nazionale della Majella. E' un vasto altopiano di origine carsica, circondato da rilievi montuosi,che si sviluppa ad un'altitudine che varia tra 1073 m e 1729 m.