Salta al contenuto principale
x

La Presentosa, capolavoro dell'arte orafa abruzzese

La Presentosa è il gioiello abruzzese; per eccellenza, vero capolavoro dell'arte orafa, quasi certamente di origini settecentesche, diventato famoso per la descrizione che ne fa Gabriele D'Annunzio nella sua opera "Il trionfo della morte". È un ciondolo realizzato in filigrana d'oro o d'argento, che contiene una stella formata da triangoli in lamina lucida con la punta rivolta verso l'esterno e nel cerchio centrale, risultante dall'unione delle basi dei triangolini, su un fine intreccio di filigrana, reca un simbolo che di un significato particolare al monile, rendendolo un vero mezzo di comunicazione visiva.

Questo gioiello, in passato, era un presente che veniva donato soprattutto alle giovani donne quale promessa d'amore. In questo caso nel centro vi erano due cuori, legati da una chiave o da un nastro; mentre la presenza di un solo cuore significava che chi lo indossava era nubile. Il ciondolo con al centro una nave, donato il giorno delle nozze dal padre dello sposo o anche dallo sposo, era ben augurante per l'inizio di una nuova vita, quella matrimoniale. La Presentosa donata in occasione della Prima Comunione riportava al centro la colomba dello Spirito Santo.

Le prime Presentose furono realizzate ad Agnone (che fino al 1811 era nel territorio abruzzese) e a Guardiagrele. Successivamente, questa particolare lavorazione si diffuse soprattutto in area frentana, peligna e nell'aquilano. Attualmente, bellissime e raffinate Presentose vengono realizzate da maestri di arte orafa a Sulmona, Pescocostanzo, Scanno e Guardiagrele. Una curiosità: in occasione del G8 del 2009, ogni first lady ha ricevuto in dono la presentosa, come simbolo della nostra regione.