Salta al contenuto principale
x

Cagnano Amiterno

Cagnano Amiterno a m. 841 sul livello del mare, a 25 km. dall'Aquila, è nell'alta valle del Velino. Il comune fa parte del Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. L'originario insediamento attorno alla pieve di San Cosimo, era già castello prima del sec. XII. Il toponimo deriva dal personale latino Camnius. Nel 1864 il paese assunse la specifica di Amiterno dal nome della città sabino-romana posta non lontano dai suoi confini. Comune formato da più frazioni: Cagnano, S. Giovanni, Fiugni, Corruccioni, Termine, ha un'economia basata essenzialmente su attività agricole e zootecniche. Il territorio di Cagnano Amiterno presenta una morfologia alquanto tormentata. Si tratta infatti di un comprensorio montuoso articolato e caratterizzato da profonde valli scavate dai torrenti che confluiscono nell'Aterno. Da visitare: la chiesa di San Cosimo (o Cosma, anteriore al sec. XII), chiesa di San Sebastiano a Collicello (sec. XVI), la chiesa di San Giovanni (sec. XVI) e Santa Maria (sec. XVII) a San Giovanni, il castello di Cascina (resti, sec. XII), il casale fortificato Dragonetti a Cascina (sec. XVII). I luoghi si prestano per escursioni interessanti al:Piano di Cascina, Piano di Palarzano, Piano di Santo Nunzio, Grotta di Zerrante al Termine. Le ascensioni montane praticabili sono: Colle le Cese (1529 m. ), Monte Pizzaro (1476 m.), Monte Gabbia (1504 m.), Monte le Serre (1097 m.), Pizzo del Monte (1263 m.). Notevole e poco conosciuto l'Altipiano di Cascina con le sue sorgenti, fonti ed inghiottitoi, è circondato da un anfiteatro naturale di boschi di nocciolo, faggio, carpino, acero e ornello. Nel XIII sec. Cagnano fu tra i Castelli fondatori dell'Aquila. Attualmente conserva interessanti motivi artistici e storici. Nella Chiesa della Madonna delle Grazie si conserva una pregevole croce del 1564.

 

Provincia: L'Aquila

CAP: 67012

Prefisso: 0862

Altitudine: 851

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.4572301, 13.2086442

Amiternum fu un'antica città italica in Abruzzo fondata dalla tribù dei Sabini, le cui rovine sorgono oggi a 9 km da L'Aquila. Il suo nome deriva dal vicino fiume Aterno (Strabone).Durante la loro espansione nel Centro-Sud Italia, al termine delle Guerre sannitiche, i romani conquistarono la città (293 a.C.) che divenne una prefettura, per essere promossa poi a municipium in età augustea.