Salta al contenuto principale
x

Capitignano

Capitignano a m.916 s.l.m., a Km. 34 dall'Aquila, sito sul margine orientale della Conca di Montereale, è composto da numerose frazioni le cui localizzazioni sono state condizionate dalla presenza di sorgenti e corsi d'acqua. Le prime notizie risalgono all'epoca sveva ed angioina (sec. XII-XIII) e si collegano alle vicende storiche di Campotosto. Raggiunge la massima floridezza nel XVII sec. sotto i Medici per poi decadere a causa dei gravi danni prodotti dal terremoto del 1703. Attualmente presenta all'ospite notevoli ed interessanti testimonianze architettoniche del passato.Il territorio comunale è quasi interamente compreso nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e offre numerose possibilità al turista: sentieri per il trekking a cavallo, percorsi per mountain bike, piste per sci da fondo, ecc..

 

 

Provincia: L'Aquila

CAP: 67014

Prefisso: 0862

Altitudine: 916

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.5236017, 13.3009828

Prossimi Eventi

La Parrocchiale di San Flaviano che sorge nella parte alta del paese, al margine dell'antico abitato, ha subito notevoli interventi strutturali dopo il terremoto del 1703. La chiesa è a tre navate divise da pilastri, con grande cupola ottagonale, sotto la quale si trova il ciborio in legno intagliato e lavorato con la tecnica della doratura del XVI secolo.

La Chiesa di San Domenico, addossata alla facciata principale di Palazzo Ricci, fu costruita nel 1579 e subì numerosi danni con il terremoto del 1703. Nel 1839 l'edificio religioso venne restaurato su disegno del Valadier, allora attivo presso il Vescovado di Rieti come documenta una scritta posta sull'arco dell'altare principale.

Il monumento a Sallustio, sommo storico latino nato nella vicina Amiternum, è posto al centro di Piazza del Palazzo a L'Aquila.Fu realizzato in bronzo nel 1903 dallo scultore fiorentino Cesare Zocchi.

La menzione della chiesa risale alla met? del XIII secolo a proposito di un elenco di chiese dipendenti da Rieti. Lo stato attuale ? il risultato di numerosi interventi che hanno cancellato quasi del tutto l'antica struttura di cui resta soltanto l'impianto generale.