Salta al contenuto principale
x

Fico Secco Reale di Atessa (Presidio Slow Food)

Fino ad alcuni decenni fa Atessa poteva vantare una vasta produzione di fichi secchi; oggi alcuni giovani hanno deciso di recuperare questa tradizione, con il sostegno del Presidio Slow Food. 
La città ha una storia che risale all’epoca romana e ha un legame millenario con la coltivazione di questo frutto: il primo fico secco è stato rinvenuto in una villa romana nella località di Acquachiara e risale al I secolo a. C.. Celebre era anche il torrone di fichi secchi. 
Il fico reale è una varietà molto apprezzata, ideale per l’essiccazione. Tra metà agosto e fine settembre i fichi vengono raccolti a mano uno ad uno e posti negli essiccatoi, fatti di piccole canne legate tra loro. Vengono essiccati interi o incisi a metà, poi arricchiti con un gheriglio di noce e infornati finché non assumono un colore caramello. Ancora caldi, vengono ricomposti e messi a riposo, con foglie di alloro, in un luogo buio e asciutto. La loro bontà e la loro lunga conservazione hanno reso celebri i caracini di Atessa; sono usati per diverse ricette: dolci, confetture, dessert, nella preparazione di carni, pane e biscotti.
 

42.071436, 14.4511304