Salta al contenuto principale
x

Loreto Aprutino

Importante centro della provincia, arroccato su di una collina, presenta particolari interessanti di urbanistica riferiti a vari secoli. Le abitazioni si estendono su file sovrapposte; intorno si sviluppa una vegetazione rigogliosa caratterizzata da ricchi oliveti. Nella parte alta la Chiesa di S.Pietro: portico-loggia con trifore dai capitelli gotici. Artistico portale rinascimentale, stemma baroccheggiante. Interno, tre navate, pilastri cruciformi, arcate a tutto sesto; antico organo nella parete retrofacciata; abside semircicolare. Cappella barocca con statua lignea di S. Tommaso, altre cappelle baroccheggianti. Antico busto in argento di S. Zopito, di scuola napoletana dell'800. Nei pressi la Galleria delle antiche Ceramiche Abruzzesi allestita nel 1957 dal barone Giacomo Acerbo: circa seicento pregevoli pezzi dei più prestigiosi artisti abruzzesi dal '400 all'800. Molte sono le abitazioni e gli antichi palazzi con interessanti particolari medioevali, rinascimentali e barocchi. L'antico Castello del IX sec.; radicalmente trasformato in palazzo residenziale dalle linee classiche per lo più rinascimentali. Sul pilastro destro del cancello d'ingresso una formella in ceramica policroma, stemma gentilizio e la scritta "Castello Chiola-secolo IX". Percorrendo le caratteristiche viuzze con tipiche case si giunge in fondo all'abitato, alla Chiesa di S. Francesco del XIV sec., artistico portale in pietra finemente scolpito; tipico campanile "atriano". Interno completamente trasformato nel 1601; unica navata, cappelle laterali barocche: ornamenti scultorei dell'arte secentesca; altare maggiore in legno intagliato riccamente scolpito. Interessante il quattrocentesco Crocifisso in legno. Su di un'altura prospiciente il centro storico, la Chiesa di S.Maria in Piano, di epoca antichissima (prime notizie dell'864); subì un incendio nel 1168, restaurata nel 1280. Portico di epoca posteriore, artistico portale del 1559; altro portale sul lato destro, abside poligonale, cupola. Campanile del tipo "atriano", in laterizio. Interno, unica navata, arconi ogivali, sulle pareti affreschi del XIV-XV sec. Notevole il grande affresco sulla parete retrofacciata: il "Giudizio particolare" di originale concezione: nella zona inferiore la prova delle anime, in quella superiore il premio eterno e la gloria di Cristo, ai suoi piedi i simboli della passione, tre Santi in ginocchio: S. Domenico, S. Francesco, S. Agostino. Altri affreschi si riferiscono ad episodi della vita di S. Tommaso. Il lunedì di Pentecoste festeggiamenti in onore di S. Zopito con il tradizionale "miracolo del bue". Varie manifestazioni culturali. Produzione di ceramiche artistiche e di ottimo olio di oliva.

 

Provincia: Pescara

CAP: 65014

Prefisso: 085

Altitudine: 307

POSIZIONE GEOGRAFICA

42.4331851, 13.986668

Il complesso di San Pietro Apostolo, antica abbazia esistente già nel 1066, si articola su una serie di volumi tra loro interconnessi che costituiscono e realizzano il luogo di culto più importante di Loreto Aprutino, ubicato nella parte più alta del centro storico.

The Acerbo Museum houses the most beautiful and rich collection of ceramics of Castelli, the fruit of the passion of Baron Giacomo Acerbo.

Il Museo Acerbo ospita la più bella e ricca collezione di ceramiche di Castelli, frutto della passione del Barone Giacomo Acerbo.

Situated in the ancient Amorotti Castle, it retraces the various phases of oil production, the primary wealth of the Vestino territory, showing tools and machinery from ancient times to the present day. The Museum is closed on Mondays in summer, while in winter it is open only on Saturdays and Sundays.

Situato nell'antico Castello Amorotti, ripercorre le diverse fasi della produzione dell'olio, ricchezza primaria del territorio Vestino, mostrando gli utensili e i macchinari, dai tempi antichi ai giorni nostri. Il Museo rimane chiuso il lunedì nel periodo estivo, mentre d'inverno è aperto solo il sabato e la domenica.

L'Antiquarium Comunale, allestito nei locali dell'ex convento di S. Francesco, conserva al suo interno nelle 13 vetrine reperti archeologici databili dal periodo Paleolitico al periodo medievale, tutti provenienti dal territorio di Loreto Aprutino.

La chiesa di Sant'Andrea apostolo, di antica origine benedettina, elevata al titolo di Collegiata nel 1572, fu completamente ricostruita in epoca barocca secondo un originale impianto a due cellule quadrate, coperte con volte a calotta e profondo presbiterio a botte.

La finalità del Museo è curare la memoria storica, ambientale e culturale del nostro territorio, col recupero di oggetti e di attrezzi agricoli, nonché dell'artigianato di supporto (sarto, falegname, ciabattino...).